Maxicart - Privacy e cookies
CODICE ETICO E ANTICORRUZIONE

 

IL CODICE ETICO DEL GRUPPO MAXICART

 

Premesse

 

Il Codice Etico contiene i principi di "deontologia aziendale" che il GRUPPO MAXICART riconosce come propri, richiamandone l’adesione e l’osservanza da parte dell’insieme degli interlocutori interni ed esterni.

L'etica è l'insieme delle norme di condotta pubblica e privata che, secondo la propria natura e volontà, una persona o un gruppo di persone sceglie e segue nella vita e nella propria attività professionale.

Il Codice rappresenta un insieme di principi e regole la cui osservanza da parte di tutti i dipendenti e collaboratori è di fondamentale importanza per il buon funzionamento, l'affidabilità e la reputazione del GRUPPO MAXICART.

Il Codice Etico aziendale deve essere portato a conoscenza dei Dipendenti, dei Collaboratori e di tutti coloro con i quali l’impresa intrattiene relazioni d'affari.

 

***

Il GRUPPO MAXICART riconosce i seguenti principi etici e valori che dovranno essere rispettati da tutti i Destinatari.

 

 

PRINCIPI

RISPETTO

Il rispetto deve essere inteso come trasparenza, lealtà e comprensione verso le persone con cui si collabora. I momenti di critica devono essere sempre costruttivi e condurre al miglioramento: si riprende un'azione o un comportamento mai la persona. Il plauso deve essere pubblico, il richiamo privato. Il rispetto che si ha verso le persone deve essere tenuto anche verso il posto di lavoro e verso i beni aziendali, perché sono gli strumenti che ci consentono di raggiungere i nostri obiettivi. Tali strumenti devono essere tenuti sempre in efficienza, puliti e ordinati.

 

COINVOLGIMENTO

Coinvolgere ed essere coinvolti significa ascoltare le persone senza preconcetti, capire le aspettative e i bisogni, trasmettere una forte motivazione, informare degli obiettivi e dei risultati raggiunti, comunicare le idee, anche le più semplici. E’ principio condiviso del GRUPPO MAXICART quello per il quale non si considera mai una persona solo per quello che è, ma soprattutto per quello che potrebbe diventare.

Il GRUPPO MAXICART è un bene di tutti: usiamo sempre "noi", mai "io". E’ motivo di orgoglio di ciascuno far parte di una grande organizzazione.

 

CONCRETEZZA E SPIRITO D’INIZIATIVA

E’ necessario agire e curarsi degli aspetti pratici con determinazione, basandosi su dati di fatto. Si deve cercare di pianificare quanto possibile onde evitare eventuali problemi e perdite di tempo. E’, altresì, importante verificare sempre il rapporto costi e benefici delle idee che si avanzano e dei progetti che si sviluppano. Il lavoro deve essere coltivato con ordine e continuità.

 

RESPONSABILITA’ E DELEGA

Si deve agire con la consapevolezza di dover rispondere delle azioni proprie e altrui e risolvere i problemi senza scaricarne il peso sugli altri. Se la responsabilità comporta disagio significa che non si hanno le conoscenze necessarie per svolgerla; non bisogna scoraggiarsi né rifiutarla, ma semplicemente procurarsi le conoscenze necessarie.

Con la crescita del GRUPPO, diventa sempre più necessario delegare responsabilità e incoraggiare le persone a prendere iniziative. Per fare questo serve apertura mentale: le persone a cui sono state delegate autorità e responsabilità, se sono persone valide, eseguiranno il loro incarico a proprio modo. E’ necessario lasciar sbagliare le persone se si vuole che crescano.

 

LEGALITA’, ONESTA’ E CORRETTEZZA

E’ necessario operare sempre nel pieno rispetto delle leggi, dell'etica professionale e dei regolamenti interni. Il perseguimento degli interessi aziendali non può mai giustificare una condotta contraria ai principi di legalità, correttezza e onestà. I rapporti con gli interlocutori esterni sono improntati a criteri e comportamenti di correttezza, collaborazione, lealtà e reciproco rispetto.

 

TUTELA DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO

E’ impegno aziendale realizzare e mantenere un ambiente di lavoro sicuro, sano e produttivo per tutti i dipendenti ed i collaboratori. Tutti si debbono impegnare a far eseguire le attività lavorative nel pieno rispetto di tutte le norme di sicurezza e di igiene. Tale condizione è considerato il punto di partenza per il miglioramento continuo anche nel rapporto costo - efficacia di funzionamento. Vi è la ferma convinzione che tutti gli sforzi protesi a migliorare la sicurezza portano anche benefici all’immagine del Gruppo e contribuiscono a creare una nuova coscienza nel personale per il rispetto della prevenzione infortuni e dell’igiene sul luogo di lavoro.

 

TUTELA DELL’AMBIENTE E DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

Il GRUPPO MAXICART è impegnato ad operare nel pieno rispetto della salvaguardia dell'ambiente, delle normative vigenti e dei principi dello sviluppo sostenibile.

 

VALORI

 

INTEGRITA’ DI COMPORTAMENTO E RISPETTO DI LEGGI E REGOLAMENTI

Il GRUPPO MAXICART si impegna a realizzare e fornire servizi di qualità ed a competere sul mercato secondo principi di equa e libera concorrenza e trasparenza, mantenendo rapporti corretti con tutte le istituzioni pubbliche, governative ed amministrative, con la cittadinanza e con le imprese terze. Ciascuno è tenuto ad operare, in qualsiasi situazione, con integrità, trasparenza, coerenza ed equità, conducendo con onestà ogni rapporto di affari. Il GRUPPO MAXICART opera nel rigoroso rispetto della Legge e si adopera affinché tutto il personale agisca in tale senso: le persone devono tenere un comportamento conforme alla Legge, quali che siano il contesto e le attività svolte ed i luoghi in cui esse operano. Tale impegno deve valere anche per i consulenti, fornitori, clienti e per chiunque abbia rapporti con la nostra organizzazione. Il GRUPPO MAXICART non inizierà né proseguirà alcun rapporto con chi non intende allinearsi a questo principio.

 

RIPUDIO DI OGNI DISCRIMINAZIONE

Nelle decisioni che influiscono sulle relazioni con le parti interessate (gestione del personale ed organizzazione del lavoro, selezione e gestione dei fornitori, rapporto con la comunità circostante e con le istituzioni che la rappresentano), la nostra organizzazione evita ogni discriminazione in base all’età, sesso, sessualità, stato di salute, razza, nazionalità, opinioni politiche e credenze religiose dei suoi interlocutori

 

CENTRALITA’, SVILUPPO E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE ED EQUITA’ DELL’AUTORITA’

Il GRUPPO MAXICART riconosce la centralità delle risorse umane e ritiene che un fattore essenziale di successo e di sviluppo sia costituito dal contributo professionale delle persone che vi operano.

Il GRUPPO MAXICART attribuisce la massima importanza a quanti prestano la propria attività lavorativa all’interno della propria organizzazione, contribuendo allo sviluppo della stessa in quanto è proprio attraverso le risorse umane che il GRUPPO MAXICART è in grado di fornire, sviluppare, migliorare e garantire un’ottimale gestione dei propri servizi. Ferme restando le previsioni di legge e contrattuali in materia di doveri dei lavoratori, ai dipendenti sono richiesti professionalità, dedizione al lavoro, lealtà, spirito di collaborazione, rispetto reciproco, senso di appartenenza e moralità. Nella gestione dei rapporti contrattuali che implicano l’instaurarsi di relazioni gerarchiche, il GRUPPO MAXICART si impegna a fare in modo che l’autorità sia esercitata con equità e correttezza e che sia evitata ogni forma di abuso: in particolare il GRUPPO MAXICART garantisce che l’autorità non si trasformi in esercizio del potere lesivo della dignità ed autonomia della persona. Tali valori devono essere in ogni caso salvaguardati nell’effettuare scelte in merito all’organizzazione del lavoro.

 

TRASPARENZA ED ETICA DEGLI AFFARI

La storia, l’identità ed i valori dell’organizzazione si declinano in un’etica degli affari fondata su:

  • Affidabilità

intesa quale garanzia di assoluta serietà nei progetti varati, nelle transazioni e negli impegni assunti

  • Solidità

relativa ad un ente che poggia le basi patrimoniali definite, come testimoniato dalla propria prolungata attività

  • Trasparenza

conseguente alla concezione del ruolo sociale che impone non solo il rispetto di principi e di lavori etici ma anche la messa in atto di modalità che consentano alle comunità di riferimento ed agli attori sociali di poter disporre delle informazioni per poterne ricostruire l’operato

  • Correttezza in ambito contrattuale

evitando che, nei rapporti in essere, chiunque operi in nome e per conto del GRUPPO cerchi di approfittare di lacune contrattuali o di eventi imprevisti al fine di rinegoziare il contratto al solo scopo di sfruttare la posizione di dipendenza o di debolezza nei quali l’interlocutore si sia venuto a trovare

  • Tutela della concorrenza

astenendosi da comportamenti collusivi, predatori e di abuso di posizione.

 

 

RAPPORTI VERSO L’ESTERNO

 

RAPPORTI CON I CLIENTI

La correttezza commerciale è un fattore chiave per il mantenimento e lo sviluppo dei rapporti con i nostri clienti. E' estremamente importante che ci impegniamo solo con promesse che siamo sicuri di mantenere. Per servire al meglio i nostri clienti bisogna andare a trovarli spesso. E' il rapporto personale che crea valore aggiunto alla vendita. Ricordiamoci sempre che è il cliente che ci paga lo stipendio.

 

RAPPORTO CON I FORNITORI

E’ nostro dovere rispettare gli individui ed essere gentili tanto con i clienti, quanto con i fornitori. E' estremamente importante che ci si impegni in analisi approfondite prima di ingaggiare fornitori, subfornitori, contoterzisti, artigiani, o fornitori di servizi esterni. Dalla qualità dei loro prodotti o dei loro servizi dipende in buona parte anche la nostra. Il prezzo non è l'unica discriminante e in molti casi non è neanche la più importante.

 

INFORMAZIONI

Consideriamo la riservatezza un valore fondamentale. E' proibita la comunicazione di informazioni riservate o privilegiate acquisite in ambito aziendale. Dobbiamo tutti essere impegnati ad attuare le procedure atte a garantire la riservatezza delle informazioni in nostro possesso, l'osservanza della normativa in materia di dati personali ed astenerci dal ricercare dati riservati attraverso mezzi illegali.

 

FRODE, FURTI, REGALI, OFFERTE DI DENARO E CONFLITTI D’INTERESSE

Le nostre attività lavorative devono riflettere i valori di onestà, lealtà, affidabilità, correttezza, solidarietà verso gli altri e senso di responsabilità. Ogni atto che implichi furto, frode, malversazione, appropriazione indebita di qualsiasi proprietà è severamente proibito. I rapporti con i rappresentanti delle Istituzioni pubbliche e di Vigilanza debbono essere improntati a criteri di trasparenza e professionalità, in uno spirito di massima collaborazione volto al rispetto sostanziale della regolamentazione vigente. Fare la cosa giusta significa anche fare scelte commerciali e gestionali con onestà ed integrità, basandosi su fattori obiettivi come costi, qualità, valore, servizio e capacità di portare a compimento gli impegni presi. Pertanto, i collaboratori del nostro Gruppo non possono accettare né offrire regali, somme di denaro, atti di cortesia e di intrattenimento o favori, salvo nei casi in cui questi siano di valore nominale e consueti per le circostanze dell'affare. Tutti i collaboratori devono astenersi da qualsiasi azione o rapporto che possa entrare in conflitto o essere apparentemente in conflitto con gli interessi del Gruppo. I conflitti di interesse sorgono qualora un collaboratore utilizzi la propria posizione per profitto personale o qualora gli interessi personali del collaboratore entrino in conflitto con gli interessi del Gruppo.

 

CRITERI DI CONDOTTA

 

INTRODUZIONE

Le regole contenute nella presente sezione hanno lo scopo di indicare ai destinatari del presente Codice Etico gli atteggiamenti ed i comportamenti da osservare durante lo svolgimento delle varie attività aziendali in conformità ad i valori a cui si ispira il presente documento.

Tutti i destinatari del presente Codice Etico devono osservare una condotta corretta e trasparente nello svolgimento della propria funzione, contribuendo così all’efficacia del sistema di controllo interno a tutela del valore aziendale.

Nel rispetto delle norme di legge, tutti i destinatari devono mantenere un atteggiamento improntato sulla disponibilità nei confronti degli organi sociali e delle autorità di vigilanza.

 

RELAZIONI CON IL PERSONALE

  • Selezione del personale

La valutazione del personale da assumere, o in collaborazione, è effettuata in base alla corrispondenza dei profili dei canditati, rispetto a quelli attesi ed alle esigenze interne, nel rispetto delle pari opportunità per tutti i soggetti interessati. Le informazioni richieste sono strettamente collegate alla verifica degli aspetti previsti dal profilo professionale e psico-attitudinale, nel rispetto della sfera privata e delle opinioni del candidato. La Direzione Generale adotta, nell’attività di selezione, opportune misure al fine di evitare favoritismi ed agevolazioni di ogni sorta ed effettua un’attenta selezione basata, oltre che sugli aspetti cogenti, anche su aspetti preferenziali deliberati dal CdA.

  • Costituzione del rapporto di lavoro

Il personale è assunto con regolare contratto di lavoro, di prestazione professionale o di stage: non è tollerata alcuna forma di lavoro irregolare.

  • Integrità e tutela della persona

Nell’ambito dei processi di gestione e di sviluppo del personale, così come in fase di selezione, le decisioni prese sono basate sulla corrispondenza tra profili attesi e profili posseduti dalle persone e/o su considerazioni di merito. L’accesso a ruoli ed incarichi avviene sulla base delle competenze e delle capacità. Inoltre, compatibilmente con l’efficienza generale del lavoro, sono favorite forme di flessibilità nell’organizzazione del lavoro che agevolino le persone in stato di maternità nonché coloro che devono prendersi cura dei figli.

  • Valorizzazione e formazione delle risorse

Il Gruppo mette a disposizione delle persone strumenti informativi e formativi con l’obiettivo di valorizzare le specifiche competenze e conservare il valore professionale del personale. È prevista una formazione istituzionale, erogata in determinati momenti della vita professionale, interna alla persona (esempio: per i neo assunti è prevista una introduzione all’attività) ed una formazione ricorrente rivolta al personale operativo.

 

OBBLIGHI PER I RESPONSABILI DI FUNZIONE VERSO IL CODICE ETICO

Ogni responsabile di funzione, identificato come tale nell’organigramma, nel mansionario e/o nel sistema di deleghe, ha l’obbligo di:

  • Curare l’osservanza del Codice Etico da parte dei soggetti sottoposti direttamente o indirettamente alla sua responsabilità

  • Rappresentare con il proprio comportamento un esempio per i propri dipendenti / collaboratori

  • Adoperarsi affinché i dipendenti comprendano che le disposizioni contenute nel presente Codice Etico costituiscano parte integrante della loro prestazione lavorativa

  • Riferire tempestivamente alla Direzione Generale o ad eventuale delegato eventuali segnalazioni o esigenze particolari da parte dei propri sottoposti

L’inosservanza da parte dei responsabili di funzione degli obblighi di cui al presente capitolo potrà comportare l’applicazione di sanzioni disciplinari, come previsto dal sistema sanzionatorio.

 

OBBLIGHI PER TUTTI I DIPENDENTI VERSO IL CODICE ETICO E LE DOCUMENTAZIONI PRODOTTE DAL GRUPPO

Ad ogni dipendente è richiesta la conoscenza delle disposizioni contenute nel Codice Etico o dallo stesso richiamate nonché delle norme di legge di riferimento che regolano l’attività svolta nell’ambito della sua funzione che costituiscono parte integrante della prestazione lavorativa di ciascuno. Il dipendente che abbia notizia di presunte condotte illecite è tenuto a comunicare le notizie di cui è in possesso in merito a tali condotte solo ai propri superiori o alla Direzione Generale con le modalità previste dal sistema interno.

 

OBBLIGHI PER TUTTI CONSULENTI, COLLABORATORI, TIROCINANTI, SOCIETÀ DI SERVIZI, FORNITORI E SOGGETTI TERZI

 

Ad ognuno dei soggetti interessati dal presente punto, ciascuno in ragione della tipologia dei rapporti intrattenuti con il Gruppo, è richiesta la conoscenza, sia pure sintetica, dei principi e delle disposizioni contenute nel Codice Etico o dallo stesso richiamate nonché delle norme di legge e contrattuali che regolano il rapporto contrattuale fra le parti. Il soggetto che abbia notizia di presunte condotte illecite deve assumerne l’obbligo formale di comunicare le notizie di cui è in possesso in merito a tali condotte solo alla Direzione del Gruppo con le modalità previste dal contratto o incarico sottoscritto.

 

CONFLITTI CON IL CODICE ETICO

Nel caso in cui anche una sola delle disposizioni del presente Codice Etico dovesse entrare in conflitto con le disposizioni previste nei regolamenti interni o nelle procedure, il Codice Etico prevarrà su qualsiasi di queste disposizioni.

 

 

 

 

POLITICA E PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE ALLA CORRUZIONE


Maxicart, prima azienda del gruppo, viene fondata a Cesena nel 1978 da Augusto Patrignani per fornire ai locali pubblici materiali monouso per l'igiene personale. Nel corso degli anni l'azienda ha continuamente sviluppato il proprio catalogo prodotti e servizi con linee a marchio proprio, Maxicart per la carta e Maxichem per la chimica, fino a comprendere detergenti e disinfettanti, attrezzature pulizia e tutta una serie di prodotti monouso per servire la ristorazione, l'industria, gli uffici, il settore ricettivo, l'estetica e il medicale. 

Nel 2004, dopo 26 anni di esperienza e dopo aver sviluppato una serie di prodotti a marchio proprio, è partito il progetto di sviluppo dell’attività, per servire clienti anche al di fuori dell’originale raggio d'azione che è la Romagna. Nel 2004 è così nata Maxigen Srl, con un deposito a Ferrara, per servire le province di Ferrara, Bologna, Rovigo e Padova. Nel 2007 è nata ATD srl, azienda che offre interventi di assistenza tecnica su lavastoviglie e lavabiancheria industriali. Nel 2014 sono state avviate Giulia Srl, con un deposito a Imperia (IM), per servire le province di Imperia e Savona. Nel 2016 nasce Seramax Srl, con un deposito a Fano (PU), per servire le province di Pesaro-Urbino e Ancona. Inoltre il gruppo Maxicart fa parte del consorzio System Group, composto da 12 aziende dello stesso settore sparse sul territorio italiano, nato per incentivare la ricerca e lo sviluppo di nuovi prodotti per l'igiene e nel quale la Famiglia Patrignani, titolare del gruppo Maxicart, è presente nel consiglio di direzione.

 

Il GRUPPO aderisce e promuove politiche coerenti con le leggi e con gli standard di legalità per la prevenzione della corruzione e la trasparenza nei rapporti di affari (di seguito anche Leggi Anticorruzione).

Le Leggi Anticorruzione qualificano come illegale la promessa, l’offerta, il pagamento o l’accettazione, in via diretta o indiretta, di denaro o di altre utilità, allo scopo di ottenere o mantenere un affare e assicurarsi un ingiusto vantaggio attraverso comportamenti delle controparti pubbliche o private contrari ai doveri professionali e/o del proprio ufficio.

 

A tal fine il GRUPPO MAXICART ha adottato la seguente

 

 

POLITICA ANTI-CORRUZIONE

 

Il GRUPPO ha una posizione di assoluta intransigenza nei confronti di qualsiasi forma di abuso d’ufficio e corruzione, anche nei confronti di personale di imprese private.

Tutto il Personale è tenuto, nello svolgimento delle attività di lavoro, ad assumere una posizione di ferma opposizione rispetto ad ogni forma di abuso d’ufficio e corruzione.

 

  1. Regole e principi di condotta generali

Qualsiasi atto di abuso d’ufficio e di corruzione è vietato.

 

In particolare, Amministratori, Soci, Personale dipendente, Collaboratori, Rappresentanti della Società e Soggetti terzi in genere con i quali il GRUPPO opera non devono:

  • direttamente o indirettamente offrire denaro od altra utilità ad amministratori, direttori generali, dirigenti preposti alla redazione dei documenti contabili societari, sindaci e liquidatori o a sottoposti alla direzione o vigilanza dei predetti soggetti, di società clienti o fornitrici, o di altro ente o Pubblica Amministrazione, al fine di ottenere un interesse o vantaggio di qualsiasi tipo, tra cui ottenere o mantenere vantaggi in termini di business/affari per o per conto del GRUPPO MAXICART;

  • direttamente o indirettamente richiedere o accettare denaro o altra utilità da parte di clienti, fornitori, o di altro soggetto o ricercare un vantaggio di qualsiasi tipo in cambio;

  • offrire, suggerire, autorizzare l'offerta o il pagamento di denaro o altra utilità al fine di indurre o remunerare un abuso d’ufficio di una funzione o attività privata;

  • pagare o approvare il pagamento di denaro o altra utilità al fine di indurre o remunerare un abuso d’ufficio di una funzione o attività privata;

  • accettare o sollecitare pagamento di denaro o altra utilità al fine di indurre o remunerare abuso d’ufficio di una funzione o attività privata;

  • utilizzare fondi di cui si sappia o si sospetti essere di provenienza di un reato;

  • assistere o partecipare al compimento di qualsiasi attività costituente reato;

  • stabilire, definire consapevolmente o mantenere processi o procedure o schemi con l'intento di effettuare pagamenti illeciti;

  • intraprendere qualsiasi attività con consumatori, clienti, fornitori, partner commerciali e altre terze parti che possa costituire Reato.

 

  1. Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza

L'organo di indirizzo individua il Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza e gli assicura funzioni e poteri idonei per lo svolgimento dell'incarico con piena autonomia ed effettività. Il Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza segnala all'organo di indirizzo le disfunzioni inerenti all'attuazione delle misure in materia di prevenzione della corruzione e di trasparenza e indica agli uffici competenti all'esercizio dell'azione disciplinare i nominativi dei dipendenti che non hanno attuato correttamente le misure in materia di prevenzione della corruzione e di trasparenza.

 

    1. Erogazioni liberali e sponsorizzazioni

Le erogazioni liberali e le sponsorizzazioni possono configurarsi come atti finalizzati alla corruzione se concesse impropriamente.

Il GRUPPO MAXICART, infatti, effettuerà unicamente erogazioni liberali e sponsorizzazioni legali ed etiche.

Conseguentemente, qualora l’Ente intenda effettuare erogazioni:

- il Reparto Amministrativo deve redigere un report contenente l’elenco di destinatari dell’erogazione, nonché un budget complessivo impiegato per tale erogazione.

- tale report deve essere inviato e approvato dagli Amministratori ed esaminato per conoscenza dal Collegio sindacale.

 

    1. Rapporti con la Pubblica Amministrazione

Il GRUPPO MAXICART deve intrattenere rapporti con la P.A. nel rispetto delle normative vigenti e in ossequio ai principi condivisi con l’adozione del Codice Etico, gestendo i contatti con gli Enti Pubblici o i soggetti ivi impiegati con correttezza e trasparenza, in applicazione dei protocolli previsti dalla Certificazioni di Qualità.

A tale scopo, qualsiasi rapporto con le PA deve:

  • risultare da contratto scritto;

  • essere conservata ogni comunicazione scritta (cartacea o telematica) intercorrente tra la società e i soggetti appartenenti alle PA.

 

  1. Richiesta di contributi, finanziamenti, mutui agevolati o altre erogazioni

Qualora si richiedano contributi, finanziamenti, mutui agevolati o comunque altre erogazioni similari, il Responsabile Amministrativo:

- dovrà predisporre un report contenente:

  • gli estremi della richiesta;

  • lo stato di avanzamento della stessa;

  • il nominativo e la sottoscrizione della persona fisica che si occupa della predisposizione della richiesta;

  • il nominativo e la sottoscrizione della persona fisica che si occupa della firma della richiesta.

Detto report deve essere custodito in un fascicolo che contenga tutta la documentazione concernente la richiesta (bando, certificazioni, dichiarazioni etc.);

- verificare la veridicità di quanto autocertificato mediante conservazione nel fascicolo della documentazione comprovante i dati autocertificati.

Il Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza si farà carico dell’archiviazione di tali documenti.

 

  1. Gestione e spendita di contributi, finanziamenti, mutui agevolati o altre erogazioni concessi o erogati dallo Stato, da altri enti pubblici o dall’Unione Europea

La spendita di contributi, finanziamenti, mutui agevolati o altre erogazioni dello stesso tipo concessi o erogati dallo Stato, da altri enti pubblici o dall’Unione Europea deve avvenire con le stesse modalità indicate al punto precedente.

Inoltre, devono essere conservati a cura del Responsabile anti-corruzione tutti i documenti attestanti il permanere delle condizioni e dei presupposti indicati dalla normativa che legittimano l’erogazione.

Infine, il GRUPPO MAXICART deve redigere una relazione indicante come sono state impiegate le somme ottenute che deve essere posta al vaglio del Collegio sindacale.

 

  1. Affidamento lavori e forniture di beni e servizi

La selezione dei fornitori deve essere effettuata nell’osservanza dei criteri di trasparenza, tracciabilità, pubblicità, libera concorrenza, non discriminazione, parità di trattamento e rotazione sulla base di criteri oggettivi legati alla competitività ed alla qualità dei prodotti e dei servizi richiesti.

Vengono in particolare assicurati i seguenti obblighi fondamentali:

  • osservare scrupolosamente la normativa vigente;

  • adottare criteri di valutazione oggettivi e trasparenti nella selezione delle eventuali aziende fornitrici;

  • osservare e rispettare, nei rapporti di fornitura, le disposizioni di legge applicabili e le condizioni contrattualmente previste;

  • ispirarsi ai principi di correttezza e buona fede nella corrispondenza e nel dialogo con i fornitori, in linea con le più rigorose pratiche commerciali.

 

  1. Selezione e assunzione del Personale

La selezione e l’assunzione del Personale sono guidate dai principi di correttezza e imparzialità.

Il GRUPPO MAXICART assume risorse i cui profili rispondono effettivamente alle esigenze aziendali, operando (come per la gestione delle risorse già inorganico) scelte esclusivamente basate su criteri di professionalità e competenza e bandendo ogni forma di favoritismo.

Inoltre, già in sede di selezione, i candidati devono dichiarare, nel rispetto della normativa applicabile, l’eventuale sussistenza di situazioni e circostanze che il GRUPPO reputa come rilevanti ai fini delle valutazioni sulla possibile prosecuzione dell’iter di selezione.

L’Ufficio Risorse Umane del GRUPPO ha la responsabilità di garantire che i processi di selezione e assunzione di competenza rispettino i suddetti principi e criteri senza eccezioni.

 

  1. Registrazioni contabili

Ogni operazione o transazione deve essere correttamente registrata nel sistema di contabilità aziendale secondo i criteri indicati dalla legge e dai principi contabili applicabili.

Ogni operazione o transazione deve essere autorizzata, verificabile, legittima, coerente e congrua.

Affinché la contabilità risponda ai requisiti di verità, completezza e trasparenza, per ogni operazione deve essere conservata agli atti un’adeguata e completa documentazione di supporto dell’attività svolta, in modo da consentire:

  • l’accurata registrazione contabile;

  • l’immediata determinazione delle caratteristiche e delle motivazioni alla base dell’operazione

medesima;

  • l’agevole ricostruzione formale cronologica dell’operazione;

  • la verifica del processo di decisione, di autorizzazione e di realizzazione, nonché l’individuazione dei vari livelli di responsabilità.

Ciascun dipendente è, pertanto, tenuto a collaborare – per quanto di propria competenza – affinché ogni fatto relativo alla gestione del GRUPPO MAXICART sia correttamente e tempestivamente registrato nella contabilità.

Ciascuna registrazione contabile dovrà riflettere esattamente ciò che risulta dalla documentazione di

supporto.

Pertanto, sarà compito di ciascun dipendente fare in modo che la documentazione di supporto sia facilmente reperibile ed ordinata.

 

  1. Formazione del Personale

Il GRUPPO MAXICART promuove la conoscenza della Policy, del Codice Etico e della Normativa Anticorruzione da parte di tutto il Personale.

Il GRUPPO pianifica e gestisce l’attività di formazione in materia, con lo scopo di assicurare che gli interessati comprendano, in relazione e rispetto al ruolo ricoperto:

  • i rischi di Corruzione cui loro e l’organizzazione cui appartengono sono eventualmente soggetti;

  • la politica di prevenzione della Corruzione;

  • gli aspetti, relativi al loro ruolo all’interno dell’Azienda, del sistema di gestione per la prevenzione della Corruzione;

  • le azioni preventive da intraprendere e le segnalazioni da effettuare in relazione al rischio o al sospetto di pratiche illecite.

La partecipazione all’attività di formazione è obbligatoria.

 

9. Segnalazioni

I dipendenti e consulenti del GRUPPO MAXICART sono tenuti a segnalare ogni eventuale violazione, presunta o conclamata, del presente Codice e/o della normativa interna e/o esterna, dei principi etici o di una qualsiasi Legge Anticorruzione, da parte del GRUPPO, di un collega, di un collaboratore o di una terza parte, ivi comprese le richieste o le offerte di pagamenti indebiti da queste ricevute.

La mancata denuncia da parte di un dipendente di un’azione illecita nota o presunta della quale questi è venuto a conoscenza, sottoporrà, di per sé, il dipendente a possibili azioni disciplinari.

Il GRUPPO MAXICART assicura che nessun dipendente possa subire conseguenze sfavorevoli per avere rifiutato di adottare un comportamento che violi la presente Politica, anche se ciò dovesse comportare per il GRUPPO una perdita di attività commerciali o dovesse ripercuotersi negativamente sui suoi programmi.

Le segnalazioni vengono effettuate attraverso una procedura interna che prevede la compilazione del “Modulo di Segnalazione”.

 

 

10. Sistema sanzionatorio

Il GRUPPO MAXICART farà ogni sforzo ragionevole per impedire eventuali condotte che violino le Leggi Anticorruzione e/o la presente Politica, e per interrompere e sanzionare eventuali condotte contrarie tenute dal personale del GRUPPO.

Il GRUPPO MAXICART adotterà provvedimenti disciplinari in conformità a quanto disposto dal CCNL Commercio per i dipendenti di aziende del terziario, della distribuzione e dei servizi o dalle altre norme nazionali applicabili nei confronti dei propri dipendenti (i) le cui azioni siano scoperte violare le Leggi Anticorruzione o la Politica Anticorruzione, (ii) che non partecipi o porti a termine un training adeguato, e/o (iii) che irragionevolmente ometta di rilevare o riportare tali violazioni o che minacci o adotti ritorsioni contro altri che riportano eventuali violazioni.

Il GRUPPO MAXICART adotterà appropriate misure, incluse ma non limitate alla risoluzione del contratto e alla richiesta di risarcimento danni nei confronti dei fornitori e dei Soci in affari, in caso di azioni commesse in violazione delle Leggi Anticorruzione o della presente Politica.

I contratti stipulati dal GRUPPO MAXICART includeranno disposizioni specifiche per assicurare il rispetto delle Leggi Anticorruzione e della presente Politica e per consentire alla Società di adottare adeguati rimedi.

Nello specifico l’inosservanza delle suddette Leggi Anticorruzione può dar luogo, a seconda della gravità dell’infrazione, per il personale dipendente all’applicazione dei seguenti provvedimenti:

a) biasimo inflitto verbalmente;

b) biasimo inflitto per iscritto;

c) multa in misura non eccedente l’importo di 4 ore della normale retribuzione di cui all’art. 193 CCNL;

d) sospensione dalla retribuzione e dal servizio per un massimo di giorni 10;

e) licenziamento disciplinare senza preavviso e con le altre conseguenze di ragione e di legge.

 

 

POLICY ANTICORRUZIONE

 

  1. INDICATORI DI CORRUZIONE”

I dipendenti e i collaboratori a vario titolo del GRUPPO hanno il dovere di rimanere vigili per eventuali indizi indicanti che terze parti sono impegnate in comportamenti non etici o corrotti, e dovranno essere particolarmente consapevoli dei seguenti “Indicatori di Corruzione”:

  1. Pagamenti in contanti non modesti.

  2. Pressione esercitata per pagamenti da effettuare con urgenza o comunque prima del previsto.

  3. Pagamenti effettuati attraverso una Terza Parte che risiede in un altro stato – ad esempio, beni e/o servizi forniti allo Stato “A” ma il pagamento viene fatto ad una società di comodo localizzata nello Stato “B”.

  4. Una commissione eccessivamente elevata pagata ad un agente commerciale – il pagamento potrebbe essere effettuato verso due conti intestati allo stesso agente, spesso in diverse giurisdizioni.

  5. Incontri diretti con soggetti pubblici o privati al fine di ricevere vantaggi in gare di appalto e assegnazione di contratti.

  6. Prendere decisioni non programmate o inusuali all’accettazione di incarichi progettuali o di contratti.

  7. Assunzione di un soggetto che non abbia un livello di conoscenze o esperienza coerente con il ruolo da ricoprire.

  8. Abuso del processo decisionale o dei poteri delegati in casi specifici.

  9. Accettare contratti non vantaggiosi per il GRUPPO sia con riferimento ai termini che con riferimento alla durata.

  10. Preferenza inspiegabile o non adeguatamente motivata verso determinati fornitori.

  11. Evitare controlli indipendenti sul processo di acquisto e sulla valutazione dei fornitori.

  12. Accordi sull’emissione di fatture più elevate rispetto ai termini contrattuali formalizzati, senza valide motivazioni di supporto.

  13. Mancata conformità alle procedure e/o alle linee guida aziendali.

 

Chi rilevi uno dei summenzionati indicatori è tenuto a farne segnalazione (mediante l’apposito modulo allegato alla Policy) al Responsabile aziendale dell’Anticorruzione.

 

  1. PROCEDURA REGALI, OSPITALITA’, BENEFICI

  1. Scopo

La presente procedura ha l’obiettivo di definire ruoli e responsabilità, nonché dettare un protocollo di prevenzione e controllo per conformarsi alla politica anticorruzione riguardo omaggi, ospitalità e benefici sia offerti che ricevuti da/a soggetti terzi.

 

  1. Campo di applicazione e destinatari

La presente procedura trova applicazione nei confronti di tutti coloro che, nell’esercizio dell’attività di propria competenza, intervengono nei processi aziendali intrattenendo rapporti con soggetti terzi. Ovvero, gli stakeholder a cui si riferisce possono essere, a titolo d’esempio, Direzione, Responsabili CDC, dipendenti, consulenti, fornitori.

 

  1. Protocolli di prevenzione

Il GRUPPO deve intrattenere rapporti con soggetti terzi nel rispetto delle normative vigenti ed in ossequio ai principi condivisi con l’adozione del Codice Etico, gestendo i contatti con correttezza e trasparenza.

In particolare, le sponsorizzazioni di eventi, manifestazioni, meeting e simili iniziative potranno essere effettuati solo se conformi alla legge ed ai principi di lealtà, correttezza, trasparenza e verificabilità.

 

  1. Riferimenti

Pertanto, la presente procedura richiama ed integra quanto già disciplinato nell’ambito della

seguente documentazione:

    • Codice Etico

    • Poteri, deleghe e procure

    • Politica Anti Corruzione

 

  1. Procedure da applicare

Sono vietate dazioni, regalie, benefici (sia diretti che indiretti), omaggi, atti di cortesia e di ospitalità (sia diretti che indiretti) finalizzati ad influenzare le scelte di soggetti terzi (nelle persone dei loro amministratori, direttori generali, dirigenti preposti alla redazione dei documenti contabili societari, sindaci e liquidatori e soggetti sottoposti alla loro direzione e/o vigilanza) o anche solo a sensibilizzarne gli appartenenti.

 

    • Regalie

Le regalie d’uso debbono sposare il duplice requisito di tenuità (ovvero modico valore simbolico) ed eguaglianza (ovvero parità di costo nella scelta del dono per tutti clienti pubblici e privati).

È sempre vietata ogni condotta sopra descritta (o analoga) compiuta su richiesta di un altro soggetto: in caso di richiesta di tal fatta (sia essa diretta o indiretta, esplicita o implicita), i destinatari sono tenuti a farne immediata segnalazione alla Direzione ed al Responsabile Anti Corruzione, a mezzo dell’apposito modulo di segnalazione.

È comunque vietata ogni regalia effettuata su iniziativa personale o attingendo da fondi propri o sociali ma non preventivamente adibiti a tale scopo: solo la Direzione ha il potere di decidere la politica aziendale in tema di doni e stanziare le relative finanze; consegue un onere imprescindibile di documentazione delle spese effettuate e rendiconto trasparente delle stesse.

Conseguentemente, qualora qualunque soggetto del GRUPPO intenda effettuare regali ai Soci in affari o Funzionari governativi, il richiedente deve compilare il relativo modulo (“Modulo omaggi ed ospitalità effettuati”) e inviarlo alla Direzione (anche tramite posta elettronica), che ha la facoltà di respingerlo o approvarlo qualora lo ritenga idoneo (anche tramite posta elettronica).

Nel caso di offerta di regali da parte di soggetti terzi, il ricevente del GRUPPO MAXICART deve compilare il relativo modulo (“Modulo omaggi ed ospitalità ricevuti”) e inviarlo alla Direzione per presa visione (anche tramite posta elettronica).

Il Responsabile Anti Corruzione ha la facoltà di verificare la documentazione di cui sopra. Inoltre, ai fini di un monitoraggio, il Responsabile Anticorruzione provvederà ad archiviare tutte le richieste in un registro.

 

    • Ospitalità

Tutti i costi e le spese, indipendentemente dal valore, relativi alle ospitalità fornite o ricevute da Funzionari governativi o Soci in affari commerciali devono essere presentati alla Direzione per l’autorizzazione, utilizzando il Modulo di Rimborso spese.

I pagamenti per coprire le spese devono, quando possibile, essere pagati direttamente ai fornitori (per esempio, alberghi, compagnie aeree e compagnie di autonoleggio), piuttosto che al Socio in affari commerciali o al Funzionario governativo. Se non è possibile il pagamento diretto al fornitore, il rimborso dovrebbe essere fatto all’ente commerciale o agenzia governativa pertinente, piuttosto che al Socio in affari commerciali o al Funzionario governativo, e solo dietro presentazione delle ricevute dell’individuo per le spese presentate.

 

 

 

 

MODULO OMAGGI ED OSPITALITÀ/INTRATTENIMENTI EFFETTUATI”

Nome del Dipendente (Offerente)

Carica e Ufficio Nome del Beneficiario

Nome dell’Organizzazione

Posizione del Beneficiario

Partner commerciale nuovo o esistente

Numero di volte in cui si è offerto un Omaggio o Ospitalità/Intrattenimenti a questo partner commerciale negli ultimi 12 mesi

Pubblico Ufficiale (sì/no)

Descrizione dell'Omaggio o dell’atto di Ospitalità/Intrattenimenti elargiti

Data di offerta dell'Omaggio o dell’atto di Ospitalità/Intrattenimenti

Valore dell'Omaggio o dell’atto di Ospitalità/Intrattenimenti elargiti

Motivazione per cui si sono elargiti Omaggi o Ospitalità/Intrattenimenti

Attestazione del valore dell’Omaggio e/o Ospitalità/Intrattenimenti in allegato (sì/no)

Data Firma

Autorizzato da

Data Firma

Respinto da

Data Firma

 

**

 

 

 

 

MODULO OMAGGI ED OSPITALITÀ/INTRATTENIMENTI RICEVUTI”

Nome del Dipendente (Ricevente)

Carica e Ufficio

Nome dell’Offerente

Nome dell’Organizzazione

Posizione dell’Offerente

Partner commerciale nuovo o esistente

Numero di volte in cui si è ricevuto un Omaggio o Ospitalità/Intrattenimenti da questo partner commerciale negli ultimi 12 mesi

Pubblico Ufficiale (sì/no)

Descrizione dell'Omaggio o dell’atto di Ospitalità/Intrattenimenti ricevuti

Data di ricezione dell'Omaggio o dell’atto di Ospitalità/Intrattenimenti

Valore dell'Omaggio o dell’atto di Ospitalità/Intrattenimenti ricevuti

Motivazione per cui si sono ricevuti Omaggi o Ospitalità/Intrattenimenti

Attestazione del valore dell’Omaggio e/o Ospitalità/Intrattenimenti in allegato (sì/no)

Data Firma

Per presa visione

Data Firma

**

 

 

 

 

  1. PROCEDURA SEGNALAZIONI

 

  1. SCOPO

La presente procedura regola il processo di ricezione, analisi e trattamento delle Segnalazioni da chiunque, terzi o dipendenti, inviate o trasmesse, anche in forma confidenziale o anonima. Inoltre, risponde agli adempimenti previsti dalla Politica Anti-Corruzione del GRUPPO MAXICART e dei suoi Strumenti Normativi Anti-Corruzione. Le disposizioni contenute nel presente allegato si applicano a tutte le persone del GRUPPO MAXICART.

 

 

  1. GARANZIA DI RISERVATEZZA E ANONIMATO

Tutte le persone del GRUPPO che ricevano una Segnalazione e/o che siano coinvolte, a qualsivoglia titolo, nell’istruzione e trattazione della stessa, sono tenute a garantire la massima riservatezza sui soggetti e sui fatti segnalati, utilizzando, a tal fine, criteri e modalità di comunicazione idonei a tutelare l’identità e l’onorabilità delle persone menzionate nelle Segnalazioni, nonché l’anonimato dei segnalanti, affinché chi effettua la segnalazione non sia soggetto ad alcuna forma di ritorsione.

 

 

 

  1. MODALITÀ OPERATIVE

Il GRUPPO per garantire la procedura di Segnalazione, mette a diposizione un apposito modulo presente e accessibile a chiunque, reperibile nel sito aziendale www.maxicart.it.

Attraverso la compilazione e l'invio di questo modulo, dipendenti e terzi possono segnalare, in buona fede, problematiche su attività illecite, corruttive o fraudolente sul patrimonio aziendale e/o sull'informativa societaria; nonché violazioni di norme e principi contenuti nel Codice Etico.

Si escludono le segnalazioni fatte in mala fede o per recare un danno ingiusto.

Si segnala che, ove ritenuto opportuno, il GRUPPO MAXICART potrebbe contattare il segnalante qualora reso possibile dallo stesso, al fine di acquisire chiarimenti e/o ulteriori dettagli circa i fatti segnalati e che le segnalazioni, nonché l'identità stessa del segnalante, vengono gestiti in maniera tale da garantire e rispettare la totale riservatezza.

Le attività del processo di gestione delle segnalazioni sono descritte di seguito.

 

  1. Ricezione

Il GRUPPO MAXICART, al fine di agevolare la ricezione delle Segnalazioni, predispone tutti i possibili canali di comunicazione e, in particolare:

posta ordinaria (indirizzo: Maxicart snc c.a. Direzione e Responsabile anticorruzione, Via Corfù 10, 47521 Cesena (FC))

posta elettronica certificata (Indirizzo PEC: maxicart@legalmail.it)

Il monitoraggio sulla funzionalità dei suddetti canali di comunicazione è garantito dalla funzione del Responsabile Anticorruzione.

Il Personale del GRUPPO che riceva una Segnalazione transitata al di fuori dei canali previsti deve trasmetterla senza indugio, in originale con gli eventuali allegati, attraverso i canali suddetti, nel rispetto di criteri di massima riservatezza e con modalità idonee a tutelare il segnalante e l’identità e l'onorabilità dei soggetti segnalati, senza pregiudizio per l'efficacia delle successive attività di accertamento.

 

  1. Istruttoria

Il Responsabile Anticorruzione assicura che siano effettuate tutte le opportune verifiche sui fatti segnalati verificabili, attraverso una o più delle seguenti attività, garantendo che tali fasi siano svolte nel minor tempo possibile e nel rispetto dei principi di obiettività, competenza e diligenza professionale.

L’obiettivo dell’istruttoria è di procedere alla classificazione delle comunicazioni ricevute al fine di identificare le Segnalazioni da trattare in applicazione del presente strumento normativo, nonché valutare la presenza dei presupposti necessari all’avvio della successiva fase di accertamento.

Nello specifico:

    • esamina le comunicazioni ricevute per identificare le Segnalazioni rientranti nell’ambito di applicazione del presente strumento normativo;

    • classifica le Segnalazioni, sulla base dei loro contenuti, identificando le eventuali Segnalazioni relative a fatti rilevanti;

    • identifica tra le Segnalazioni Verificabili e quelle Non Verificabili;

    • può condurre verifiche anche presso le strutture aziendali interessate o le persone coinvolte;

    • propone l’archiviazione di quelle:

      • (i) palesemente infondate;

      • (ii) contenenti fatti già oggetto in passato di specifiche attività di istruttoria e già archiviate, ove dalle verifiche preliminari svolte non emergano nuove informazioni tali da rendere necessarie ulteriori attività di verifica;

      • (iii) delle Segnalazioni per le quali, alla luce degli esiti delle verifiche preliminari, non valuta necessario l’avvio della successiva fase di accertamento;

 

  • valuta e classifica le Segnalazioni afferenti a dirigenti strategici e, qualora - in base alle attività istruttorie svolte - risulti accertata la fondatezza, in tutto o in parte, dei fatti segnalati, provvede a segnalare la questione alla Direzione e al Collegio sindacale.

 

  1. Accertamento

L’obiettivo delle attività di accertamento sulle Segnalazioni è di procedere ad accertamenti, analisi e valutazioni specifiche circa la fondatezza o meno dei fatti segnalati, nonché di formulare eventuali raccomandazioni in merito all’adozione delle necessarie azioni correttive sulle aree e sui processi aziendali interessati dalla Segnalazione volte a rafforzare il Sistema di Controllo Interno, a fronte delle quali i responsabili redigono uno specifico piano di azione.

La funzione del Responsabile Anticorruzione assicura lo svolgimento delle necessarie verifiche:

(i) direttamente acquisendo gli elementi informativi necessari alle valutazioni dalle strutture di linea interessate ovvero (ii) tramite l’Organo amministrativo o il Collegio sindacale.

 

  1. Esito della procedura

Al termine degli accertamenti, il Responsabile Anticorruzione riferisce all’Organo amministrativo e al Collegio sindacale per il seguito di competenza.

 

  1. REGISTRO DELLE SEGNALAZIONI

Il Responsabile Anticorruzione assicura la tracciabilità dei dati e delle informazioni e provvede alla conservazione e archiviazione della documentazione prodotta, cartacea e/o elettronica, in modo da consentire la ricostruzione delle diverse fasi del processo stesso.

I dati personali raccolti nell’ambito di una Segnalazione vengono conservati per il tempo strettamente necessario al loro trattamento, in coerenza con quanto disciplinato in specifici strumenti normativi applicabili in materia di protezione dei dati personali.

 

  1. SANZIONI DISCIPLINARI E ALTRI PROVVEDIMENTI

Il GRUPPO MAXICART provvederà a sanzionare ogni comportamento illecito che dovesse emergere in relazione a fatti di corruzione evidenziati con il presente strumento normativo.

Nel caso in cui dagli esiti della fase di istruttoria si evidenzino possibili illeciti la funzione del Responsabile Anticorruzione inoltra le risultanze delle verifiche al Collegio sindacale e all’Organo di indirizzo per il seguito di competenza.

Gli Amministratori del GRUPPO MAXICART prenderanno adeguati provvedimenti disciplinari o contrattuali nei confronti di chi: a seguito delle attività di verifica su Segnalazioni, risulti responsabile della violazione di Leggi Anti-Corruzione o dello stesso Codice, e/o ometta volutamente di rilevare o riportare eventuali violazioni o minacci o adotti ritorsioni contro altri che riportano eventuali violazioni.

I provvedimenti disciplinari o contrattuali (a seconda della tipologia del rapporto giuridico) saranno proporzionati all’entità e gravità dei comportamenti illeciti accertati e potranno giungere sino alla risoluzione del rapporto di lavoro o alla risoluzione del contratto e al risarcimento del danno.

Il Collegio sindacale verificherà il pieno rispetto della normativa in esame e il rispetto del presente protocollo.

 

  1. TRATTAMENTO DATI PERSONALI AI FINI PRIVACY

Il trattamento dei dati personali nell’ambito delle Segnalazioni avverrà nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali, come garantito dal Regolamento UE 679/2016, e di eventuali altre leggi e/o regolamenti applicabili. In particolare, nell’ambito della gestione delle Segnalazioni saranno trattati sia dati personali del segnalante, laddove la segnalazione sia nominativa, sia dati personali del soggetto segnalato, quali nome, cognome, posizione ricoperta, etc. Nell'ambito delle procedure di gestione delle segnalazioni relative ai dipendenti, i dati personali del segnalato saranno trattati nel rispetto delle procedure interne del GRUPPO MAXICART per la contestazione degli addebiti disciplinari, ivi inclusa l’eventuale comunicazione dei fatti contestati, dell’identità del responsabile della procedura interna di gestione della Segnalazione, delle funzioni coinvolte nella Segnalazione nonché delle modalità per esercitare il diritto di accesso ai dati, in quanto compatibili con la procedura di investigazione interna. Non dovrà mai essere rivelata al segnalato, salvo i casi previsti dalla legge, l'identità del segnalante al fine di evitare ritorsioni, minacce, violenze, ecc. e tutelare la riservatezza di quest'ultimo.

 

Il Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza del GRUPPO MAXICART è il Sig. Achille Patrignani

Copia della presente Policy è portata a conoscenza mediante pubblicazione sul sito aziendale ed il relativo contenuto è oggetto di specifica informazione per ciascun soggetto direttamente o indirettamente coinvolto nell'attività della Società.

 

Cesena, il 28/06/19

 

La Direzione

 

 

 

 

 

 

Modulo di segnalazione

I dati inseriti saranno trattati tutelando la riservatezza dell'identità del segnalante per tutto il procedimento)
come indicato nella Procedura di Segnalazione

DATI DEL SEGNALANTE (Facoltativo)

Cognome e nome del segnalante:

 

Qualifica e incarico:

 

Telefono:

 

Email:

 

Dati e informazioni Segnalazione Condotta anti-corruzione

Data o periodo in cui si è verificato il fatto:

 

Luogo in cui si è verificato il fatto:

 

Soggetto che ha commesso il fatto: Nome, Cognome, Qualifica (uno o più nomi)

 

Eventuali soggetti coinvolti:

 

Eventuali imprese coinvolte:

 

Modalità con cui è venuto a conoscenza del fatto:

 

Eventuali altri soggetti che possono riferire sul fatto (Nome, cognome, qualifica, recapiti)

 

Se 'Altro', specificare

 

Descrizione del fatto:

 

Segnalazione già stata effettuata

NO

 

SI

Se SI indicare soggetto a cui è stata fatta la
segnalazione